Crea sito

Book Tag di Pasqua

Felice Pasquetta, Collezionisti!
Avete mangiato? Avete passato del tempo con la vostra famiglia? E che mi dite delle uova di pasqua? Ve le siete regalate o ve le siete fatte regalare da qualcuno? Io sto passando le feste con la mia famiglia francese e mi sto abbuffando di cioccolata, complice anche il fatto che stiamo festeggiando il mio trentesimo compleanno (ormai compiuti il 7 di Aprile ma non abbiamo avuto modo di festeggiare prima con loro).

Siccome in questi giorni è la cioccolata che la fa da padrona, non poteva mancare un book tag dedicato alla Pasqua e, ovviamente, alla cioccolata in tutte le sue forme. Come sempre, si tratta di un book tag fatto in collaborazione con la Gilda delle Blogger e potete andare a leggere le risposte di tutti! Io ringrazio Miriam di Paper Purrr per avermi nominata! Vi ricordo che in passato, da brava golosa, ho già risposto a un book tag dedicato alla cioccolata ma questa volta con domande differenti! Lo potete trovare qui.

Iniziamo subito!

Book Tag di Pasqua

Non sono una grande lettrice di romanzi erotici o comunque con componenti particolarmente piccanti ma l’estate scorsa mi sono lasciata incuriosire da Dirty di Kylie Scott. Ve ne ho parlato anche in un Currently Reading. (qui)

Altra lettura piccante che voglio nominarvi è Non tentarmi di Ella Frank. È stato il mio primo M/M e trovate la recensione qui.

Sono entrambi romanzi a cui non ho dato voti altissimi, 3 e 3,5, ma hanno comunque lasciato un filo di curiosità per i successivi della serie. Per esserci riusciti con me, vuol dire che comunque qualcosa di buono c’è in questi romanzi.

Book Tag di Pasqua

Ne ho letti diversi nella mia lunga carriera da lettrice. Più c’è un lato amaro e più li apprezzo. Sicuramente uno di questi è Intervista col Vampiro di Anne Rice. La storia di Louis e Claudia mi ha sempre lasciato l’amaro in bocca. Per quanto ami questo libro, credo davvero che possa rientrare perfettamente in questa categoria.

Book Tag di Pasqua

Se si parla di libro perfetto, sapete già quale sarebbe la mia risposta. Per non essere sempre monotematica, quale spirito di sacrificio, proverò a non nominare i libri di Jane Austen in questo book tag. Non assicuro nulla ma ci proverò.

Parliamo quindi di un libro che non è assolutamente perfetto, ho riscontrato diverse pecche, ma è stato perfetto per il momento in cui l’ho letto. Avevo bisogno di una lettura immersiva, capace di farmi dimenticare lo stress e le preoccupazioni dell’ultimo periodo. Cosa c’è di meglio, quindi, di un retelling della mia fiaba preferita? Un retelling in cui è stato inserito un personaggio che sapevo avrei amato tantissimo? Un retelling di cui aspetto con ansia il secondo volume?

Avete già capito di cosa sto parlando, vero? Sì! Proprio di lui! ACOTAR! (Anche di questo potete trovare la recensione!) Come richiesto dalla domanda, è arrivato proprio nel momento del bisogno e devo dire che era davvero da tantissimo che non mi appassionavo così a una storia!

Non è colpa mia! È la domanda che mi richiede un classico che ho amato! Però ho promesso… Immaginatemi mentre sospiro affranta e cerco di scegliere un altro classico, uno fra le millemila che ho amato in tutti questi anni!

Siccome sono un’eterna indecisa, anche qui vi nominerò due titoli. Il primo è Nord & Sud di Elizabeth Gaskell. Romanzo che è stato tradotto in italiano solo pochi anni fa grazie alla casa editrice Jo March. La storia è quella di Margaret Hale, figlia di un ex pastore anglicano, che con la sua famiglia si trasferisce dal caldo e accogliente sud al grigio, fumoso e industriale nord dell’Inghilterra. Qui si scontrerà con la mentalità del luogo e con le persone che lo abitano. È uno dei miei classici preferiti, conosciuto prima attraverso la trasposizione televisiva fatta dalla BBC. Richard Armitage nella parte di John Thornton è il sogno di molte!

Il secondo è Jane Eyre di Charlotte Brontë. Davvero devo spiegare il motivo per cui amo Jane Eyre? No, immagino di no!

Il classico che non sopporto è Cime Tempestose della sorella Emily Brontë. Mi scuso con Taty di Books to Read. So che lo ami ma ormai dovresti aver capito che non riesco davvero a sopportare quel romanzo! La storia in sé è bella ma non sopporto i personaggi e questo mi porta a non apprezzarla davvero.

Non sono un tipo da letture tipicamente stagionali. Sono sempre abbastanza costante nelle mie letture e anzi, in estate, tendo a recuperare quei libroni che durante gli altri mesi dell’anno fatico a leggere per mancanza di tempo. Ho recuperato Fidanzati dell’Inverno e ho letto il doppio dei libri che riesco normalmente a leggere durante l’anno.

Ammetto di aver dovuto chiedere il senso della domanda e che tuttora mi trovo in difficoltà a rispondere. Non ho letto molti libri con dei contrasti evidenti o con dei contrasti così originali da restarmi in mente.

Forse però posso parlarvi di una delle coppie letterarie di cui più mi è piaciuto leggere. Perché inserire questa coppia? Perché loro sono totalmente agli antipodi e il loro rapporto è così realistico che finiscono davvero per essere due personalità in contrasto che però mi piacciono molto accostate.

Si tratta di Ofelia e Thorn di Fidanzati dell’Inverno. Premetto che non ho letto ancora Gli scomparsi di Chiardiluna quindi non so se il loro rapporto ha continuato sulla linea del primo libro o se è peggiorato. Spero sia bello come nel primo. Come dicevo, Ofelia e Thorn hanno due personalità molto diverse. Lei è insicura, goffa, buona, ingenua mentre lui è freddo, distaccato, dolente. Quando sono insieme però riescono sempre a emozionarmi nonostante loro non siano poi così felici di avere l’altro fra i piedi.

So che non bisogna fare di tutta l’erba un fascio e io stessa escludo qualche libro da questa risposta ma, tendenzialmente, direi ogni romanzo romance.

No, non è vero! Come ho detto, alcuni titoli li adoro e non potrei mai dire che sono stucchevoli.

Il problema per cui non amo i romance, è che molti, purtroppo, risultano invece più che stucchevoli. Mi sembra sempre di avere a che fare con le stesse storielle tutte “sole, cuore, amore” e rinuncio già in partenza, solo leggendo le sinossi.

In questo caso non posso non parlarvi dell’ultimo romanzo che ho recensito qui sul blog. Non mi sarei davvero mai aspettata di trovarmi davanti a un libro del genere. Mi ha sorpreso davvero molto positivamente e sono contentissima di averlo letto e recensito.

Il libro in questione è The Kingdom di Jess Rothenberg (la recensione qui). Molti degli elementi sono ispirati a romanzi, serie tv e film della cultura pop ma l’autrice li mescola con maestria, creando qualcosa di assolutamente inaspettato. Io ho davvero avuto difficoltà a scrivere la recensione per questo romanzo!

Ho già parlato di Intervista col Vampiro in una domanda più su. Qui rispondo con un romanzo, in realtà una serie, che avrebbe potuto dare di più ma mi ha lasciato l’amaro in bocca perché è stata un’occasione sprecata.

Divergent di Veronica Roth. Avete presente l’ultimo romanzo della trilogia? Quel COSO che ci hanno propinato come fine della storia? Ecco, io non ce la posso fare. Tuttora, ad anni dalla lettura, mi chiedo che diavolo si fosse fumata la Roth per decidere di buttare alle ortiche tutto il lavoro fatto in precedenza.

Per carità, Divergent non è mai stata una serie capolavoro ma i primi due almeno erano interessanti! Il terzo romanzo invece mi ha lasciato davvero tanto l’amaro in bocca e non credo riuscirei mai a rileggerlo. Facciamo che, per me, è una duologia, ok?

Molti romanzi hanno una loro complessità. In questo caso però non voglio parlarvi di un romanzo ma di un manga che ho amato tantissimo e di cui ultimamente ho rivisto l’anime. Tsubasa Reservoir Chronicles delle CLAMP è forse uno dei manga più complessi che io abbia mai letto. Non scherzo se vi dico che la prima volta sono stata costretta a farmi degli schemi per stare dietro a tutto. Tutta la parte legata a Sakura e Shaoran ho davvero faticato a capirla alla prima lettura.

Forse proprio per questa complessità è un manga che amo così tanto! (No, non è vero! Lo amo soprattutto per i personaggi! No, sarebbe riduttivo! Insomma è complesso anche spiegare perché questa storia complessa mi piace nella sua totale complessità! XD)

Eccoci arrivati alla fine di questo Book Tag pasquale! Taggo Ilenia di Libri e altri disastri per rispondere dopo di me!

Vi invito inoltre a passare dagli altri ragazzi della Gilda delle Blogger! Se vi va, commentate qui sotto facendo sapere come avreste risposto a queste domande!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.