Crea sito

5 Cose che… #8

Buongiorno, Collezionisti!
Oggi vi porto una rubrica in collaborazione con Twin Books Lovers. Sul loro blog, potete trovare tutte le informazioni e la loro presentazione.

Questa rubrica ha preso ispirazione a sua volta da un’altra già esistente, ossia la Top Ten Tuesdays del blog The Broke and the Bookish, e consiste nell’elencare 5 cose su un argomento deciso dai blog partecipanti. Si inizia a pubblicare dal venerdì, per una settimana.

L’elenco degli argomenti li trovate nel link alla presentazione.

5 Cose che... #8

Prima di cominciare vorrei scusarmi per l’assenza di questa settimana ma ho cambiato gestore telefonico e per tutta la settimana ho avuto problemi di connessione. Inoltre non ho proprio avuto il tempo materiale per mettermi a pc a scrivere per il blog.

Ora però passiamo alla parte divertente del post!

I 5 libri più vecchi nella mia libreria

Avendo un padre che è sempre stato un grande lettore ed avendo una madre che, per lo meno da ragazza, leggeva tanto, ho “ereditato” (diciamo più preso in prestito o rubato) libri che sono decisamente datati. Cercherò di metterli in ordine cronologico.

 

1. Vita segreta di Gabriele D’Annunzio

di Tom Antongini (Edizione del 1940)

Speravo di trovare qualche foto su internet perché ho sempre paura a maneggiare questo libro. (Ne metto una fittizia presa da Google. La mia edizione ha la copertina blu.) Con ormai i suoi 78 anni di vita, inizia ad avere la rilegatura fragile e la copertina si sta staccando. In ogni caso, è un libro che lessi durante il mio primo anno di Lettere Moderne, proprio quando il nostro professore di letteratura moderna ci parlò con grande passione di questo scrittore.

Immergermi in un libro così vecchio, con le pagine ingiallite dal tempo, il carattere tipografico così retrò, è stata un’esperienza meravigliosa.

 

2. La Divina Commedia di Dante Alighieri

(Edizione del 1972)

Questa è stata la mia prima Divina Commedia. La prima che mi sono portata a scuola e che ho custodito gelosamente per anni.

Per sicurezza, dopo qualche mese, ho comprato un’edizione più recente per studiarci e prendere appunti sul libro.

Questa edizione del ’72 è ancora intonsa, solo un po’ ingiallita dal tempo, e presenta un bigliettino, lasciato dentro da mio padre appena ventenne, con un pensiero su ciò che aveva letto fino a lì.

 

3. Kramer contre Kramer di Avery Corman

(Edizione francese del 1979)

Questo è un libro di mia madre che ho recuperato la scorsa estate, quando siamo andati in Francia a liberare l’appartamento dei nonni. L’ho preso con me perché ho sempre voluto leggere questo libro e non mi dispiace esercitare il francese leggendo. Inoltre anche mia madre lo ha voluto recuperare per un valore affettivo.

Mi rendo conto che l’immagine è poco leggibile ma anche la copertina dal vero non è delle migliori. In tessuto a grana larga, in questo verdino oliva, con il titolo dorato opaco.

 

4. Collana Urania di Autori Vari (Edizioni da fine anni ’60 a primi anni ’90)

In questo caso non posso mettere un solo libro ma devo citare tutta la collana. Mio padre, grande amante della fantascienza, ha letto questa collana dalla prima adolescenza fino a quando noi eravamo piccolissimi. Ora non li legge più, anche perché, nonostante siano ancora in vendita, ci è difficile reperirli e perché molti sono ristampe di quelli che ha già collezionato in quegli anni.

Grazie a lui mi sono avvicinata a questo genere e grazie a lui ho letto un paio di romanzi di Asimov di cui spero di recuperare tutto al più presto.

 

5. Storie del Bosco. Fate di Tony Wolf

(Edizione del 1993)

Ho voluto mettere almeno un libro che fosse totalmente mio e non ereditato, rubato, preso in prestito dalla libreria dei miei.

Non sono sicura che questo sia il più vecchio in assoluto (ho tutto uno scaffale, in camera mia, dedicato ai miei primi libri di fiabe che non riesco assolutamente a riporre altrove e sono tutti più o meno dei primi anni ’90, prima che iniziassi le elementari) ma sicuramente è uno dei più vecchi ed il primo che i miei mi regalarono di questa serie. Me ne innamorai e spesso lo riprendo in mano per leggerlo e ritrovare la mia me di quattro anni che stringeva questo libro per la prima volta.

 

Siamo alla fine di questo nuovo appuntamento con le 5 Cose che… Quali sono i libri più vecchi della vostra libreria? Fatemelo sapere qui sotto con un commentino!

 

10 Risposte a “5 Cose che… #8”

  1. Adorava quei libri di Tony Wolf! Tanti purtroppo sono andati persi e proprio ultimamente, nonostante i miei quasi 30 anni, me ne sono ricomprato uno ahahah

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.