Crea sito

Review Party – Oliver, il gatto che salvò il Natale di Sheila Norton

Siamo agli sgoccioli di questo calendario dell’avvento libroso a tema Oliver, il gatto che salvò il Natale di Sheila Norton ed edito dalla Newton Compton Editori.

Ecco le tappe del Review Party, per chi se le fosse perse!

Review Party - Oliver, il gatto che salvò il Natale di Sheila Norton

Come sempre, vi ricordo che questo evento è collegato ad un giveaway per vincere una copia cartacea di questo libro. Vi invito a seguire le istruzioni riportate qui sotto!

a Rafflecopter giveaway

Review Party - Oliver, il gatto che salvò il Natale di Sheila Norton

Manca solo una recensione, oltre alla mia, per arrivare alla fine e devo ammetterlo, un po’ mi sento triste. Un po’ perché questo è stato il mio primo Blog Tour e Review Party ed un po’ perché non voglio dire addio ad Oliver.

Non sono assolutamente un’amante dei libri che hanno per protagonisti animali. Ne ho letti pochissimi nella mia vita ed ho visto anche pochi film di questo tipo. Beethoven, Air Bud e compagnia non hanno mai avuto vita facile con me.

Questo libro è stato una sfida, un provare qualcosa di lontano dalla mia zona di comfort. Non credevo mi sarei appassionata, eppure è stato così!

Oliver, il gatto rosso con le macchie bianche, mi è entrato subito nel cuore. Prima fifone, scoprirà pian piano il suo coraggio e grazie ad esso riuscirà ad aiutare tutti gli amici umani che incontrerà sulla sua strada.

Il romanzo parte con un incendio. Durante una notte, il Forester’s Arms, pub in cui Oliver vive col suo padrone George, prende fuoco. Grazie al suo olfatto felino riesce a salvare il suo padrone ma poi scappa in preda alla paura. Proprio a causa della fuga, Oliver si perde nel bosco. Qui sarà preso di mira da una volpe ma per fortuna un nuovo amico umano riesce a salvare la situazione. È Daniel, un giovane uomo da poco trasferitosi con la compagna Nicky.

Presto veniamo a sapere che George è dovuto andare in città a vivere dalla sorella, allergica ai gatti, e così siccome i due giovani, a causa di problemi finanziari, non possono tenere Oliver con loro, quest’ultimo viene affidato ai loro vicini, Martin, Sarah e le loro figlie, Grace e Rose.

Oliver si ritrova quindi con due famiglie adottive. È proprio grazie ad esse che entra in contatto con altri umani che aiuterà grazie al suo coraggio e, per lo meno all’inizio, al suo orgoglio.

Questa è la storia, non posso dirvi altro o vi rovinerò la lettura.

Tutto il romanzo è scritto sotto forma di racconto dello stesso Oliver, che parla ad un micetto inizialmente chiamato Kitty. Il nostro protagonista racconta la sua storia, con qualche flashback al suo passato da micio e qualche perla di saggezza felina. Questa è stata sicuramente la scelta vincente della Norton. Il lettore si immedesima in Kitty ed ascolta con passione la storia di Oliver. La narrazione in prima persona, a volte penalizzante, in questo caso risulta molto piacevole.

Altro punto a favore di questo romanzo sono sicuramente i personaggi secondari. Gli umani che Oliver aiuta ed a cui si affeziona. George, Dan, Nicky, Sarah, Martin, Grace, Rose, Caroline, Laura e Julian. Pian piano ci affezioniamo a loro e vogliamo scoprire come andrà a finire, se riusciranno a risolvere i loro problemi o ad aiutarsi fra loro come speriamo. Importanti sono anche gli amici felini di Oliver, Tabby e Suki. All’inizio non riuscivo a farmeli piacere, gli unici in tutto il romanzo, ma poi non si può fare a meno di affezionarsi anche a loro. Il caratteraccio di Tabby diventerà sempre più irresistibile!

Nonostante ci siano tematiche cupe come la malattia, la paura della solitudine, dell’abbandono e problemi finanziari, la positività e la voglia di ricominciare, di aiutare il prossimo e di farcela nelle avversità, rendono la storia non drammatica e molto leggera e spensierata. Soprattutto perché tutto è stemperato dalla narrazione in prima persona fatta da Oliver. Come dice lui “Non capisco perché gli umani si debbano complicare così la vita!” (Semicit.). Infatti questo modo di affrontare le tematiche sopracitate, unito ad uno stile di scrittura semplice e scorrevole, rende il romanzo perfetto per ogni età. Mentre i piccini non avranno problemi a leggere questa storia, i grandi non devono avere paura di annoiarsi. Non si può fare a meno di affezionarsi ad Oliver ed agli altri personaggi ed è facile, per noi più grandicelli, divorare il libro in una sola serata!

È sicuramente una lettura piacevole e spensierata, perfetta per questo periodo dell’anno, adatta anche a chi, come la sottoscritta, non è particolarmente amante delle storie con protagonisti degli animali!

Promosso!

VOTO: 4/5

Review Party - Oliver, il gatto che salvò il Natale di Sheila Norton

Per concludere, vi lascio tutte le informazioni sul libro ed il link a cui potete acquistarlo!

Oliver, il gatto che salvò il Natale - Newton Compton

 

Eccoci alla fine della mia piccola recensione di Oliver, il gatto che salvò il Natale! Leggerete questo libro? Lo regalerete a qualcuno a Natale? Fatemelo sapere qui sotto con un commentino!

 

10 Risposte a “Review Party – Oliver, il gatto che salvò il Natale di Sheila Norton”

  1. Uhuh, mi piace questa cosa di Oliver che racconta la sua storia ad un altro micetto.
    Mi fa piacere leggere che ti sia tanto piaciuto nonostante non sia il tuo solito genere perché direi dimostra ancora di più quanto sia una bella lettura *-*

     
    1. Sì, è una bella lettura! Non lo credevo possibile ma mi sono lasciata convincere dal gattone rosso in copertina! Mi è piaciuto davvero!

       
  2. Che emozione queste tappe mi hanno commossa il libro merita davvero e da amante dei gatti mi sono innamorata di Oliver e come potrebbe essere diversamente?

     
  3. A me i libri con protagonisti i gatti piacciono tantissimo, non so neanche quanti ne ho e ogni volta che ne esce uno per me è difficilissimo resistere.
    Adoro il fatto che Oliver racconti la sua storia ad un altro gattino e se mai deciderai di esplorare un po’ di più questo mondo, di simile ti posso consigliare “Il gatto che aggiustava i cuori” di Rachel Wells – qui il protagonista è Alfie e anche lui avrà diverse famiglie adottive da aiutare.

     
    1. Lo terrò presente, grazie!
      Eh, io sono più per altri generi. Adoro gli animali ma i libri ed i film su di loro non sono mai stati molto nelle mie corde! Infatti, nonostante io sia una grande amante della Disney, non sopporto la quasi totalità di film con protagonisti animali. Gli Aristogatti, Bambi, La Carica dei 101, ecc non li riesco proprio a guardare! =P

       
  4. Ah davvero non ami molto i libri con animali protagonisti? Io invece li apprezzo molto! E per questo non vedo l’ora di fare la conoscenza di Oliver…

     
    1. Eh, sì! Non sono una grande amante dei libri con protagonisti gli animali ma se ne trovo di fatti bene, come questo, non esito a tesserne le lodi! 😉

       

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.