Crea sito

Assedio e Tempesta – Review Party

Ben ritrovati, Collezionisti!
Eccoci col primo evento del 2021 e non poteva che essere Leigh Bardugo la protagonista di questa recensione! Dopo Tenebre e Ossa, non vedevo l’ora di leggere Assedio e Tempesta, uscito proprio ieri nelle librerie. Cosa ne penso lo saprete, come sempre, dopo la scheda del libro!

Ringrazio Mondadori per avermi permesso di leggere in anteprima questo romanzo e, prima di cominciare, vi lascio sempre la scheda del libro con il link di acquisto!

[Vi lascio anche le recensioni delle precedenti uscite di Leigh Bardugo che ho letto: Sei di CorviIl Regno CorrottoLa Nona CasaTenebre e Ossa]
Assedio e Tempesta - Copertina

Assedio e Tempesta

Leigh Bardugo

In uscita il: 19/01/2021

€ 18,90

“Non sarà sempre così” dissi a me stessa. “Più tempo passerai da libera, più diventerà facile.” Un giorno mi sarei svegliata da un sonno senza incubi, avrei camminato per strada senza timore. Fino a quel momento, mi tenevo stretta il mio pugnale sottile, desiderando sentire il peso sicuro dell’acciaio Grisha nella mano. Ricercata per tutto il Mare Vero, perseguitata dal senso di colpa per le vite spezzate a causa sua nella Faglia d’Ombra, Alina, la potente Evocaluce, sta cercando di ricostruirsi una vita con Mal in una terra dove nessuno è a conoscenza della sua vera identità. Tuttavia, questo dovrebbe averlo imparato, non si può sfuggire al proprio passato. Né, soprattutto, ci si può sottrarre per sempre al proprio destino.

L’Oscuro infatti, che non solo è sopravvissuto alla Faglia d’Ombra ma ha acquisito anche un terrificante nuovo potere, è più determinato che mai a reclamare per sé il controllo della Grisha ribelle e a usarla per impossessarsi del trono di Ravka. Non sapendo a chi altri rivolgersi, Alina accetta l’aiuto di un alleato imprevedibile. Insieme a lui e a Mal combatterà per difendere il suo paese che, in balia della Faglia d’Ombra, di un re debole e di tiranni rapaci, sta andando rapidamente in pezzi. Per riuscirci, però, l’Evocaluce dovrà scegliere tra l’esercizio del potere e l’amore che pensava sarebbe stato sempre il suo porto sicuro. Solo lei infatti può affrontare l’imminente tempesta che sta per abbattersi su Ravka e nessuna vittoria può essere guadagnata senza sacrificio.

Finché l’Oscuro vivrà – questo Alina lo sa bene – non esisterà libertà per il suo paese. Né per lei. Forse, dopo tanti tentennamenti, è infine giunto il momento di smettere di scappare e di avere paura. Costi quel che costi.

COMPRALO SU:   

Separatore
DISCLAIMER: Il libro e tutto il materiale mi è stato fornito col consenso della casa editrice per fini pubblicitari o recensionistici.

Eccomi quindi a parlare del secondo volume della Grishaverse. Se il primo libro mi aveva caricata a pallettoni e la recensione era lo sclero di una fangirl, questa seconda recensione sarà molto più analitica. Sì, continueranno i miei scleri per il Darkling perché quell’uomo è… È la perfezione e io sarei diventata la sua regina oscura a occhi chiusi! Sì, a questi si uniranno gli scleri per Nikolai perché sarei diventata pure la sua regina di luce. Sono decisamente confusa, me ne rendo conto, ma sono i due personaggi migliori della trilogia. A mani basse. Non posso fare giorni pari il Darkling e quelli dispari Nikolai? Troppo ingorda?

Bene! Come sempre, dopo aver perso la mia dignità, passiamo alla recensione.

Assedio e Tempesta riprende esattamente da dove si era interrotto Tenebre e Ossa, seguendo una prima parte lineare e prevedibile degli eventi. In realtà, senza fare spoiler, devo dire che purtroppo tutto questo volume è piuttosto prevedibile e “vuoto”.

Non succede nulla di particolarmente rilevante e si sente che questo è un libro di passaggio, scritto in preparazione della risoluzione nel terzo volume. Gli eventi si susseguono tutti allo stesso modo, con dinamiche ripetitive e spesso noiose. So che questo è un libro che ormai si avvicina ai suoi 10 anni dalla pubblicazione (è del 2013) ma si sente tantissimo che non è un titolo scritto recentemente. Ha proprio le classiche dinamiche dei secondi volumi di serie Young Adult di quando ero adolescente.

L’unico suo punto forte è proprio l’introduzione di Nikolai, personaggio che da subito diventa importante e fondamentale a tirare avanti queste 300 pagine di poco altro. La sua caratterizzazione, i suoi discorsi e le sue azioni sono tutto ciò che traina Assedio e Tempesta e ci traghetta verso il terzo volume della serie.

Oltre a non trovare nulla di interessante in questo volume, ho trovato anche ispirazioni ad altri libri del genere che però non mi hanno entusiasmato. La prima è sicuramente l’ispirazione a New Moon di Stephenie Meyer. Quando Edward parte, Bella continua ad avere delle visioni di lui durante tutto il libro. Ecco, qui Alina vede e immagina il tocco del Darkling per tutto il libro. Ovviamente le reazioni sono differenti: Bella fa di tutto per avere quelle visioni mentre Alina le rifugge, ne è spaventata. C’è però un sottotono romantico anche nelle apparizioni del Darkling che mantengono vivo questo parallelismo.

Un altro parallelismo può essere fatto con Il Signore degli Anelli di J.R.R. Tolkien. Frodo viene ferito dai Nazgûl a Colle Vento e, da quel momento, ha una ferita che perennemente gli ricorda il suo legame con l’anello e l’Oscuro Signore. Inoltre portare con sé l’anello lo porta a intaccare il suo buon cuore e avere degli attacchi di ira e dei momenti in cui perde il senso di sé. Ecco, Alina subisce lo stesso mutamento. All’inizio di Assedio e Tempesta, Alina viene ferita da un nuovo potere del Darkling. La ferita, come viene ripetuto più volte, non guarirà mai e lei avrà sempre un collegamento diretto con il suo nemico.

Allo stesso tempo, l’amplificatore di Morozova (non è proprio così, c’è un altro particolare che però sarebbe spoiler. Prendetelo per giusto) inizia a intaccarla e lei si ritrova più volte ad avere dei comportamenti non proprio da protagonista illuminata e totalmente positiva.

Dopo i parallelismi, parliamo della relazione fra Alina e Mal, che in Assedio e Tempesta era al centro della storia. Qui cadiamo in tutti i cliché del genere. Alina si trasforma nella classica diciassettenne insicura e Mal nel classico maschio alpha che deve avere tutto sotto controllo. Sono esattamente la copia di una qualsiasi altra coppia di uno YA di 10/15 anni fa. Il problema è che questo modello è ormai stantio e fa arricciare il naso se letto nel 2021.

Il rapporto fra Alina e Mal è quanto di più tossico ci possa essere in un romanzo per ragazzi. Passano tutto il tempo a essere ossessionati l’uno dall’altro e a ferirsi a vicenda con comportamenti discutibili. Capisco che la loro età li porti a essere spesso stupidi ma qui siamo davvero ripiombati in qualcosa che speravo di non dover più leggere.

Mal, PER TUTTO IL TEMPO, fa la vittima per far sentire in colpa Alina. Fa di tutto per farla sentire in colpa per non essere stata egoista e aver accettato il suo destino. Finisce nel tunnel dell’autolesionismo un po’ per sentirsi vivo e utile ma anche per farla preoccupare e farla sentire ancora più in colpa. Si butta fra le braccia di altre ragazze e soprattutto non fa mai un passo verso di lei per tentare di comprenderla. Si sente subito punto sul vivo e si comporta da pallone gonfiato geloso.

Dall’altra parte abbiamo Alina che, come già accennato, si comporta come una ragazzina insicura. Posso capire la sua insicurezza ma non fa nulla, a sua volta, per andare incontro a Mal. Si chiude a riccio, non gli racconta nulla e lo lascia letteralmente all’oscuro di tutto ciò che è importante. Inoltre non fa che allontanarlo, anche se inconsciamente, con i suoi modi e con le sue decisioni. Ovviamente poi si dispera perché non capisce come lui si comporti in questo modo. Addirittura spera di potergli rendere il favore facendosi baciare da un altro, che per fortuna capisce il suo gioco e la lascia a bocca asciutta.

Sono entrambi ossessionati dall’altro. Si aggrappano al loro rapporto di lunga data senza rendersi conto che in realtà si stanno solo distruggendo a vicenda.

Ecco, nel 2021 vorrei evitare di leggere ancora dinamiche di questo tipo ma scuso la Bardugo contestualizzando il libro nel suo anno di uscita. Rimane comunque un fortissimo punto a sfavore di questo secondo volume.

Personaggi

Ho già parlato di Alina, Mal, il Darkling ma anche Zoya, Genya nella precedente recensione ma voglio comunque fare un commento sulla loro evoluzione.

Assedio e Tempesta - Alina

Alina Starkov è peggiorata molto dal primo volume. Certo, avevo già notato molti dei cliché tipici della protagonista di YA ma qui ha davvero la sua “Digievoluzione” in Bella Swan, con tanto di stesse pippe mentali e stesse insicurezze.

Non scherzo se dico che passa tutto questo secondo volume fra piagnistei, insicurezze e il diventare la Mary Sue che ogni YA merita.

Tra l’altro è una ragazza di umili origini, con un passato nell’esercito come cartografa e poco altro da offrire ma bastano due lezioncine impartite da Nikolai per trasformarsi una leader più che decente e in una figura politica di tutto rispetto. Non ho trovato particolari errori da parte sua. L’ho trovato poco realistico.

Assedio e Tempesta - Mal

Mal Oretsev… Cosa devo fare con te, Mal?

Già nel primo volume non avevo avuto un buon feeling con questo personaggio ma in Assedio e Tempesta la situazione è solo peggiorata. Mi aspettavo tanto da lui… Per lo meno mi aspettavo che potesse essere un personaggio decente e invece mi sono ritrovata davanti al classico “Maschio Scimmione” che deve avere tutto sotto controllo.

Nella vita reale, ogni ragazza sana di mente scapperebbe da uno così ma qui ovviamente è il più popolare e tutte lo vogliono. Ceeerto!

Punto sul fatto che Alina, nonostante sia circondata da opzioni mille opzioni migliori, finirà comunque con lui. Purtroppo.

Assedio e Tempesta - Darkling

Il Darkling (L’Oscuro nella traduzione italiana) beh, è il mio preferito e penso che ormai non sia un segreto.

Sì, voglio essere la sua regina e distruggere Ravka stando al suo fianco. Brucia, fuoco, brucia! (Chi capisce la citazione merita la mia stima!)

No, ok! Torno seria! Non ho nessun tipo di istinto omicida e non voglio fare una tragedia ma posso dire di capire il perché dei suoi gesti. È un personaggio negativo ma comunque ha un senso e una complessità nella sua malvagità.

Peccato che in questo volume sia poco presente. A parte le prime e le ultime pagine, lo vediamo solo come visione di Alina.

Dopo aver parlato dei tre personaggi principali del primo volume, bisogna prenderci un momento per parlare del principe Nikolai.

Assedio e Tempesta - Nikolai

Nikolai Lantsov è il secondogenito della famiglia reale di Ravka. Lo conosciamo in circostanze singolari, che non racconterò per evitare spoiler, e fin da quel momento è impossibile che non entri nel cuore del lettore.

Nikolai è una boccata d’aria fresca fra i personaggi già noti. Leggermente più grande di Alina e Mal, Nikolai è un principe che ha imparato tutto ciò che gli serve non dalla teoria e dai precettori ma partendo dal basso e mischiandosi alle persone comuni.

Ha uno spiccato senso della giustizia e della leadership ma è anche un ragazzo che sa indossare diverse maschere che lo aiutano a celare ciò che davvero pensa.

È un ragazzo curioso, con una spiccata propensione allo studio e alla realizzazione di oggetti che potrebbero migliorare le condizioni del suo esercito e del suo popolo. Con la sua personalità riesce a essere benvoluto sia da componenti del Primo Esercito che del Secondo Esercito.

Il suo carisma e i suoi modi mi ricordano molto una versione più “pura” del Darkling. Hanno molto in comune e trovo semplicemente che la grossa differenza fra di loro sia che uno si è lasciato contaminare dal male e dai desideri personali mentre l’altro sia riuscito a mantenere il suo lato più umano e ad avere una visione votata al far del bene seppur con qualche decisione non proprio eroica.

In pratica è l’uomo perfetto e vorrei essere la sua regina, come col Darkling… Bipolarismo is the way!

Oltre a Nikolai, ci vengono introdotti i due fratelli gemelli Tolya e Tamar. Sono due personaggi che ho apprezzato molto anche se secondari. Passano dall’essere mercenari a diventare parte della guardia personale di Alina. Sono due Grisha in grado di combattere sia coi loro poteri che con le armi e sanno essere dei guerrieri piuttosto letali. Spero di vederli anche di più nel prossimo volume.

Stile di Scrittura

Come già detto, Leigh Bardugo, in Assedio e Tempesta, mette poco su cui commentare. Escluse le ultimissime pagine, il libro è un susseguirsi di eventi tutti uguali e ripetitivi fino alla noia.

Ammetto che, arrivata a un certo punto, all’ennesimo litigio fra Mal e Alina e all’ennesimo piagnisteo di quest’ultima, ho iniziato a fare skimming su quelle parti.

In generale però lo stile della Bardugo rimane quello che conosciamo e, pure se privo di passaggi significanti, questo romanzo si legge in poche ore e scorre molto facilmente.

Mappa

Ho apprezzato i numerosi riferimenti alla Russia. L’ambientazione rimane affascinante e interessante e sicuramente aiuta ad apprezzare almeno in parte questo volume. Qui poi questi riferimenti sono anche più numerosi che nel primo volume quindi un punto a favore.

Come avrete capito, Assedio e Tempesta non mi ha entusiasmato come era capitato col suo predecessore ma ha sicuramente avuto il pregio di introdurre uno dei miei personaggi preferiti e di gettare le basi, soprattutto con le ultimissime pagine, per un terzo volume promettente. Speriamo che sia davvero appassionante come me lo aspetto. Bisogna anche tenere conto che un romanzo di ormai otto anni fa e che purtroppo non supera benissimo il passare del tempo.

Un secondo volume “retrò” che presenta tutti i problemi dei romanzi datati.

VOTO: 3,5/5

Separatore

Ormai è tradizione che non vi lasci solo una recensione ma che vi dia anche dei contenuti extra che potrebbero risultare interessanti.

Questa volta è il turno del Teaser della serie Netflix. Non si vede molto ma io sono prontissima a tuffarmi nel Grishaverse e non vedo l’ora di vedere i personaggi prendere vita sullo schermo! La serie è prevista per Aprile 2021. Che mi facciano un gradito regalo di compleanno?

Separatore

L’evento continua sui blog dei miei colleghi! Come sempre vi lascio il calendario di questo evento dedicato ad Assedio e Tempesta!

Assedio e Tempesta - Calendario
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.